Convenzioni e Servizi
Finanziamenti per Medici Assicurazioni per Medici ECM Immobiliare Tutela legale Medici Viaggi per Medici
Cura e Salute per Medici Convenzioni Club Medici Noleggio Auto Medici Club Medici News Convenzioni Club Medici “My

… E SE LA FACOLTÀ DI MEDICINA NON FOSSE PIÙ A NUMERO CHIUSO?

Cambiamenti nell'aria per i i prossimi studenti di medicina

Il desiderio di un giovane medico di diventare un professionista della sanità comincia a realizzarsi il giorno stesso in cui si supera il temutissimo test di ingresso alla facoltà di medicina. Un test spesso difficile e con un grande sbarramento.

Presto però le cose potrebbero cambiare. I deputati del MoVimento 5 Stelle hanno infatti presentato una proposta di legge a prima firma D’Uva sulla revisione delle modalità di accesso alla facoltà.

Tutti gli aspiranti medici potrebbero avere quindi la possibilità di seguire le lezioni senza necessariamente superare il test a numero chiuso, e i relativi scorrimenti di graduatoria, perché sarà istituito un primo anno comune a diverse facoltà e uno sbarramento alla fine del primo anno, con un conseguente ampliamento del 20% dei posti.

Ma qual è il mood nel settore medico in relazione a questo grande cambiamento?

I medici italiani sembrano essere contrari a questa proposta, che in realtà sposta soltanto lo sbarramento alla fine del primo anno e non è accompagnata da un aumento proporzionale delle borse per la formazione post-lauream.

La vera riforma che chiedono è una specializzazione per ogni corso di laurea in medicina per poter finalmente azzerare l’imbuto formativo che al momento imprigiona 15mila medici e assicurare ai giovani un futuro, non solo una laurea su un pezzo di carta.

Filippo Anelli, presidente della Fnomceo, è d’accordo sul fatto che il test vada cambiato ma non lo è sulla modalità proposta. La soluzione potrebbe essere mantenere il numero chiuso alla facoltà di medicina e agire direttamente dalla base: preparare i ragazzi delle scuole secondarie con dei programmi basati sul modello di Biomedicina che la Fnomceo e il Miur stanno portando avanti da anni, conservare per i prossimi 10 anni le 2000 borse per il Corso di formazione specifica in Medicina Generale e raddoppiare i posti per le Scuole di specializzazione.
Misure che non costerebbero allo Stato più di centocinquanta milioni di euro l’anno, dei quali cinquanta per la Medicina Generale.

Secondo Anelli non è poi possibile recuperare l’emorragia di borse perse, legate all’abbandono del percorso da parte dei vincitori e contrattualizzando gli specialisti dell’ultimo anno.
Si dovrebbe invece pensare a responsabilizzare gli Enti Privati al finanziamento delle borse di specializzazione e riflettere sulla possibilità che questa diventi una condizione necessaria per mantenere le convenzioni con il Servizio sanitario nazionale.

Informati ora.
Siamo a tua disposizione.

Mai un call center. Sempre e subito il tuo consulente.
AREA BLU

AREA ARANCIO

Compila il form e ti ricontatteremo entro 24h

Ricontrollare!
Ricontrollare!
Ricontrollare!
Ricontrollare!
Ricontrollare!
Ricontrollare!
Ricontrollare!
Ricontrollare!
Invalid Input
Ricontrollare!
Ricontrollare!
Scrivi il testo tutto in minuscolo
Ricarica il testo Errato. Riprovare!
Club Medici Associazione
Via Giovanni Battista de Rossi, 26/28
00161 ROMA
CODICE FISCALE: 06852761003
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - privacy policy
Cookie Policy

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.
Accetta